Quando e perché lo smartphone si scarica subito?

Gli smartphone hanno decisamente cambiato le nostre vite, è vero… ma la batteria che li alimenta ormai è diventato il nemico di tutti noi. Siamo costantemente alla ricerca di prese per mettere sotto carica i nostri telefoni, preoccupati di non arrivare fino a casa con energia a sufficienza. Viviamo con il terrore che il nostro smartphone possa spegnersi proprio mentre lo usiamo come navigatore oppure siamo nel bel mezzo di una conversazione importante. Insomma, la batteria dei nostri telefoni, il più delle volte è un vero e proprio incubo.

Prima di correre a portare il telefono in assistenza o tentare un ripristino delle impostazioni di fabbrica, proveremo a darvi qualche consiglio utile per impedire che lo smartphone si scarichi troppo presto. Nulla di particolarmente complicato, non vi preoccupate: si tratta di semplici indicazioni che vi consentiranno sia di prevenire eventuali danni alla batteria, che di sistemare situazioni che potenzialmente potrebbero rovinare il telefono in modo permanente. Parliamo dunque di abbassare un po’ la luminosità del display, oppure di disattivare funzioni e connessioni non utilizzate, fino ad arrivare a capire quali sono le app che consumano più energia.

Entriamo dunque subito nel dettaglio… prima che la batteria si esaurisca!

batteria-smartphone

 

Consigli per non far scaricare la batteria dello smartphone

Partiamo dunque dalla prevenzione: la batteria di uno smartphone è assolutamente fondamentale, ed è bene non correre il rischio di bruciarla o rovinarla. Di seguito vi daremo alcune dritte che vi aiuteranno ad aumentare l’autonomia energetica del vostro telefono.

  • Controllate il consumo delle app – Che ci crediate o no, le app che avete installato sul vostro telefono consumano batteria anche quando il dispositivo è in stand-by. Come primo accorgimento vi consigliamo dunque di monitorare le applicazioni in questo modo:
    se avete uno smartphone con sistema operativo Android, per verificare i consumi energetici delle app non dovete far altro che recarvi nel menu Impostazioni > Batteria/Batteria e risparmio energetico > Utilizzo Batteria > Dettagli utilizzo e verificare la lista di app che hanno consumato più batteria. Attenzione: il percorso per controllarle può essere leggermente diverso in base alla marca o al modello di telefono che avete, oppure in relazione alla versione del software in uso.
    Veniamo ora ai possessori di iPhone: in questo caso potete facilmente controllare quali app stiano sfruttando più energia andando nel menu Impostazioni > Batteria, scorrendo la schermata visualizzata, selezionate l’opzione Ultime 24 ore o Ultimi 10 giorni, in questo modo potrete visualizzare la lista delle app che hanno consumato più batteria nell’ultimo giorno o negli ultimi dieci giorni.Ovviamente se in base al controllo che avete fatto vi accorgete che alcune app consumano decisamente troppo, valutate pure se è il caso di disinstallarle oppure lasciarle: a questo punto diventa decisiva l’importanza che hanno per  voi.
  • Disattivare connessioni non in uso – Come detto in precedenza, in questo articolo cerchiamo di darvi i consigli migliori, partendo proprio dai più semplici, che spesso si danno per scontati… ma che in realtà finiamo col dimenticarcene! Un altro passaggio fondamentale per cercare di avere una batteria più duratura, è senza dubbio quello di disattivare le connessione che non state usando. Esempio: se state dormendo, ma non volete rinunciare a spegnere il telefono, è il caso di tenere attive le connessioni Wi-Fi o il Bluetooth? Ovviamente no, visto che in quel momento non le state utilizzando. Consigliamo dunque di disattivarle senza pensarci due volte, visto che mentre noi dormiamo, loro consumano energia che il giorno dopo ci servirà sicuramente.Per disattivare le connessioni su Android, recatevi sul menu delle notifiche facendo uno swipe dall’alto verso il basso (è il classico menù a discesa che spesso controlliamo per vedere se ci sono arrivate notifiche), dopodiché premete sul toggle delle connessioni attive che volete disattivare.
    Percorso simile per gli utenti iPhone: richiamate il Centro di controllo di iOS (anche in questo caso, dovete “tirare giù” il menù dall’alto verso il basso), dopodiché disattivare il Wi-Fi, il Bluetooth e le altre connessioni di cui potete fare a meno in quel momento.
  • Disabilitare la localizzazione – Ecco un’altra mossa che può aiutarvi ad aumentare un po’ l’autonomia dello smartphone: stesso discorso che abbiamo fatto nel punto precedente: se state dormendo, probabilmente non vi serve la localizzazione attiva, dunque potete disattivarla temporaneamente. Se avete un telefono Android, potete disabilitarla direttamente dal menu delle notifiche, tirandolo sempre giù dall’alto verso il basso; una volta aperta la schermata, premete sul pulsante GPS o Localizzazione. In alternativa, potreste anche disattivare il GPS solo in alcune app: per farlo vi basterà andare su Impostazioni > App > [nome app] > Autorizzazioni e spostare su OFF la levetta relativa ai servizi di localizzazione. Considerate sempre che questo percorso può variare leggermente in base al modello di telefono che avete o a seconda della versione di Android che gira sul vostro smartphone.
    Se siete possessori di iPhone, invece, dovete andare su Impostazioni > Privacy > Localizzazione, dopodiché spostare su OFF la levetta che vedete in corrispondenza della voce Localizzazione (in alto). Una volta fatto questo, confermate l’operazione premendo Disattiva. In questa sezione potrete inoltre attivare o disattivare il servizio GPS solo per alcune app specifiche: in questo caso, vi basterà premere con con il dito sul nome di ciascuna di esse e selezionare la voce Mai dal menù che si aprirà davanti a voi.

Ridurre la luminosità dello schermo

Ve l’ho accennato all’inizio di questo articolo: una delle mosse migliori da fare per evitare che la batteria del telefono si scarichi prematuramente, è ridurre la luminosità dello schermo. Tenerla al massimo vuol dire far schizzare i consumi energetici al massimo.
Vediamo ora come fare per ridurla a seconda del software che avete nel vostro smartphone: se siete clienti Android, potete aprire il menu delle notifiche “tirandolo giù” dalla parte superiore dello schermo verso il basso. A questo punto vi troverete di fronte alla barra di regolazione della luminosità: qui potrete abbassare o aumentare l’intensità della luminosità trascinando il cursore verso destra o verso sinistra a seconda delle vostre esigenze (ma come detto, noi consigliamo di spostare il cursore verso sinistra, con una minore illuminazione).

Procedimento molto simile se avete un iPhone: anche in questo caso “tirate giù” la schermata con il Centro di controllo di iOS, partendo dalla parte alta del display e andando verso il basso. Vedrete dunque la barra di regolazione (solitamente indicata con il simbolo del sole), che potrete sistemare spostando il cursore dalla parte che preferite.

C’è poi la questione della regolazione automatica della luminosità, che noi consigliamo di disattivare, visto che comporta un notevole dispendio di batteria.

Se avete Android, andate nel menu Impostazioni > Display > Luminosità, a questo punto spostate su OFF l’interruttore che troverete accanto alla voce Luminosità automatica.

Qualora invece aveste un iPhone, non dovete far altro che andare su Impostazioni > Generali > Accessibilità > Regolazione schermo e spostare su OFF l’interruttore che troverete accanto accanto alla voce Luminosità automatica.

Questi sono piccoli consigli utili che vi consentiranno di evitare che la vostra batteria possa scaricarsi dopo poco tempo. Seguite le nostre indicazioni e vedrete che vi troverete bene!


Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Apri Menu
smartphonemigliore.it