Lo smartphone non riconosce la Sim: come fare? Problemi e possibili soluzioni

Probabilmente se siete finiti su questo articolo, sarà capitato anche a voi: il vostro smartphone improvvisamente non riconosce più la scheda Sim (chiamata anche “chip”). Un problema decisamente fastidioso, che rischia in primis di farvi perdere tempo prezioso e in seconda battuta di gettarvi nello sconforto. Anche questa volta, cercheremo d’indagare sulle possibili cause che possono aver causato un problema del genere (possono essere diverse), ma non disperate: il più delle volte la soluzione è semplice e soprattutto a portata di mano.

Se il vostro dispositivo mobile non riconosce la scheda Sim, seguite bene i nostri consigli e molto probabilmente arriveremo insieme a una soluzione che possa far ripartire lo smartphone.

Lo smartphone non riconosce la Sim

Cosa fare quando lo smartphone non riconosce la Sim?

Uno smartphone, anche se appena acquistato, potrebbe presentare alcuni piccoli difetti di fabbricazione che non lo fanno funzionare nel modo corretto. Ovviamente la cattiva e non costante attenzione nei confronti del dispositivo può farci incorrere negli stessi problemi. Cerchiamo dunque di capire quali possono essere e in che modo potremmo sistemarli senza l’aiuto dell’assistenza tecnica:

  • Ossidazione dei contatti della Sim – Uno dei primi problemi è sicuramente quello legato alla formazione di ossidi e di piccolissime quantità di polvere, che per il telefono sono invece piuttosto alte e non permettono il giusto contatto tra le lamelle della scheda e quelle del lettore dello slot. Suggeriamo dunque di pulire, almeno una volta al mese, il carrello in cui viene posizionata la Sim. Occhio, però: anche quest’operazione è bene farla nel modo più corretto, onde evitare spiacevoli sorprese: per pulire il carrello in cui viene messa la Sim, spegnete lo smartphone e rimuovetela, facendo bene attenzione a non danneggiare nulla (ci sono parti molto sensibili). Una volta estratta la scheda, potete utilizzare una comune gomma morbida da disegno, con cui pulire – con molta attenzione – le lineette dorate, ovvero i contatti interni dello slot.Una volta fatto questo, cercate in casa un ago da cucito: vi servirà per pulire in mezzo alle lamelle che servono per connettere la Sim Card con il lettore, rimuovendo così l’ossido che si è formato tra esse. Non appena conclusa l’operazione, potete rimettere la scheda al suo posto, facendo attenzione a non premere troppo forte. A questo punto il problema dovrebbe essere risolto e potete accendere nuovamente il vostro smartphone. Se il problema dovesse persistere, non vi resta altra scelta che sentire immediatamente l’assistenza tecnica: probabilmente dietro c’è qualcosa di più serio.

    Se volete, ci sono anche altri due metodi per pulire lo slot: in uno, basterà prendere un batuffolo imbevuto di alcool e passarlo delicatamente tra i contatti e la scheda Sim, finché non vedrete il metallo dorato tornare completamente lucido e brillante. Nell’altro, vi consigliamo di spruzzare un deossidante come il Renewal su di un cotton-fioc e di usarlo per pulire i contatti. Potete anche usare dell’alcol se volete, ma state molto attenti a non versarne troppo.

  • Scheda non rilevata o rimossa su Android – Tra le varie cause di non lettura della scheda Sim, ci potrebbe essere il fatto che il vostro smartphone non riesca a rilevare (o riconoscere) più la vostra card in seguito all’installazione di un nuovo software o anche di una nuova app che potrebbe provocare problemi alla cache di memoria. Consigliamo dunque di cancellare proprio la cache e di riavviare il telefono.
  • Il messaggio “No SIM Card Installed Error”  – Questo è un altro di quei casi in cui la semplice operazione di spegnere e riaccendere lo smartphone può rivelarsi utile. Qualora non dovesse bastare, vi consigliamo di andare su Impostazioni > Reti Wireless > Reti Mobili > Operatori di Rete e togliere la spunta dalla modalità automatica. Se non dovesse essere così, aggiungetela alle opzioni LTE/WCDMA/GSM. A volte potrebbe essere questa impostazione a non permettere al telefono di rilevare la scheda Sim. In questo modo dovreste aver risolto il problema.
  • Quando la Scheda non è rilevata dall’iPhone – Incredibile a dirsi, ma gli iPhone della Apple sono molto più portati ad avere problemi con la lettura delle Sim Card rispetto agli smartphone Android. Se siete possessori del telefono della Mela e riscontrate questo problema, provate ad aggiornare il sistema operativo (iOS) scaricandone l’ultima versione rilasciata. Molto spesso basta solo questo a risolvere ogni problema, anche di connessione. Qualora dovessero continuare questi fastidi, vi consigliamo di spegnere il vostro iPhone e riaccenderlo dopo una decina di secondi.In alternativa potrebbe essere necessario aggiornare le impostazioni dell’operatore: per farlo, andate su Impostazioni > Generali > Info. Se sono presenti nuovi aggiornamenti lo potrete verificare in questa sezione, nel caso ci fossero, andate su quello più recente e premete OK.
  • No Sim su Android e iOS – Una volta tanto, sia iPhone che Android potrebbero essere accomunate da qualcosa: il messaggio “No Sim”. Inutile dire che anche il problema sarà il medesimo, ovvero il cellulare opera su un operatore diverso da quello che gestisce la tua scheda. Dovresti dunque andare su Impostazioni > Connessioni > Reti Mobili > Operatore di Rete > Ricerca Rete. Quando la ricerca delle reti disponibili arriverà al termine, vedrai sul tuo schermo un elenco di operatori: a questo punto non ti resta che scegliere il tuo operatore e premere su OK.

Se usi un adattatore, prova a cambiarlo

Sono in molti a usare gli adattatori, tra gli utenti di smartphone (iPhone o Android). Danno la possibilità di utilizzare un formato di Sim Card (come una Nano-Sim) su un dispositivo mobile che supporta un altro formato (che può essere micro-Sim o una Sim normale). Ormai quella dell’adattatore è una pratica abbastanza comune, vi sarà infatti sicuramente capitato di andare in un negozio di telefonia e nel momento in cui avete chiesto la nuova Sim, vedervi arrivare la scheda “a taglio triplo”, composta da una nano-Sim circondata da due “cornici” di plastica, che la rendono utilizzabile per tutti i formati in commercio.

Ovviamente, anche qui possono nascere dei problemi: essendo sostanzialmente dei pezzi di plastica, gli adattatori tendono a usurarsi e persino a deformarsi nel corso del tempo, causando così un problema di allineamento tra scheda e contatti interni dello smartphone, che a quel punto non sarà più in grado di riconoscere la Sim.

In questo caso, consigliamo semplicemente di sostituire l’adattatore.

Back to top
Apri Menu
smartphonemigliore.it