Smartphone a poco prezzo, i meno cari del 2020, articoli, marche

Inutile girarci intorno: oggi come oggi, senza uno smartphone, saremmo letteralmente persi. Qualcuno li ha definiti le nostre “scatole nere”, visto che sostanzialmente contengono la nostra vita: non solo numeri di telefono, ma codici per carte di credito, IBAN bancari e ogni sorta di dato sensibile possa venirvi in mente. È tutto lì, dentro al nostro smartphone.

Bisogna dunque valutare bene la scelta di questo apparecchio, cercando di non seguire tanto le mode quanto le specifiche tecniche più avanzate (soprattutto nel caso di professionisti che con lo smartphone ci lavorano), che avere un prezzo contenuto. Perché la modernità ci semplifica la vita, ma un’occhio al portafoglio è sempre bene darlo.

In questo articolo cercheremo di guidarvi nella galassia degli smartphone più convenienti, quelli in grado di unire i requisiti di cui sopra a un’alta affidabilità e resistenza, soprattutto per quanto riguarda la batteria, per molti vero tormento dei tempi moderni. Vedremo dunque come districarci nella giungla dei telefoni di ultima generazione più economici, confrontando i vari marchi in commercio.

Attenzione, però: il fatto che uno smartphone possa essere economico, non vuol certo dire che sia un prodotto scadente, anzi. Al giorno d’oggi con una spesa contenuta è assolutamente possibile avere un prodotto di buon livello, se non addirittura ottimo, con prestazioni e qualità generale assolutamente di prim’ordine. Vediamo dunque come possiamo fare per orientarci nel modo migliore.

xiaomi-redmi-8a-1

Come scegliere uno smartphone?

Scegliere uno smartphone può sembrare un’azione tutto sommato facile, ma in realtà è un’operazione che va ponderata attentamente. Un buon prodotto deve necessariamente rispondere a queste caratteristiche:

  • Display: partiamo dalla cosa più evidente, ovvero lo schermo. Uno smartphone che si rispetti deve per forza di cose averne uno con luminosità piuttosto alta, colori vividi e possibilmente i bordi ridotti.
  • Fotocamera: ultimamente è in quest’ambito che la sfida tra le varie marche si sta facendo sempre più accesa. Se per noi la fotocamera è un elemento essenziale dello smartphone (dunque abbiamo necessità di avere una buona risoluzione per foto o video), allora cerchiamo un modello che abbini velocità e qualità.
  • Software: questa è una materia spigolosa. Se siete (o vorrete diventare) utenti Apple non avrete problemi, in quanto iOS è piuttosto affidabile. Lo è ovviamente anche Android, ma essendo soggetto a molte personalizzazioni, è necessario analizzarlo e capire bene fin dove può arrivare. In questo caso, sarà bene farci guidare da un esperto.
  • Hardware: anche questa è una voce molto importante: parliamo infatti di processore, RAM (la memoria dello smartphone), componenti audio e connettività. Caratteristiche fondamentali nella scelta del modello.
  • Autonomia: come abbiamo detto più in alto, la durata della batteria è un fattore chiave nella scelta dello smartphone. È bene scegliere una buona ottimizzazione delle energie, nonché una ricarica veloce e senza fili.
  • Ergonomia: gli smartphone in apparenza sembrano assomigliarsi un po’ tutti come aspetto, ma noi sappiamo bene che non è esattamente così. Consigliamo di scegliere un modello comodo, non troppo scivoloso.
  • Aggiornamenti: uno smartphone che si rispetti dev’essere necessariamente aggiornato quanto più possibile. Quando andremo a scegliere il modello più adatto a noi, cerchiamo dunque di capire ogni quanto tempo riceve aggiornamenti.

Questi sono dunque i parametri che noi consigliamo di controllare. Punti fermi nella scelta di uno smartphone che possono decisamente fare la differenza. Vediamo ora alcuni punti più nel dettaglio.

L’importanza del sistema operativo

Uno degli elementi più importanti di uno smartphone è senza dubbio il sistema operativo. A cosa serve il sistema operativo? A determinare le funzioni di cui è dotato l’apparecchio e i programmi/applicazioni che sarà possibile installarci. Come detto nel precedente paragrafo, per i telefoni Apple non ci sono grandi problemi, avendo tutti un sistema operativo specifico ed esclusivo: iOS. Gli altri smartphone (di tutte le case produttrici), hanno invece installato Android, un sistema progettato da Google che viene utilizzato ormai dal 75% dei produttori. Ovviamente non tutti hanno la stessa versione installata ed è proprio per questo che è possibile trovare smartphone con all’interno Android adatti a tutte le tasche e con varie tipologie di prezzo. Una differenza sostanziale rispetto agli iPhone, di cui bisogna necessariamente tenere conto.

smartphone

Memoria

La memoria, nella vita come negli smartphone, è fondamentale. Nei cellulari di nuova generazione è possibile memorizzare dati (contatti telefonici, messaggi, app, foto, ecc.) in quattro tipo diversi di memoria.

  • La scheda SIM
  • Memoria interna: serve a memorizzare tutte le informazioni contenuto nello smartphone. Se si ha l’intenzione di usarlo per scattare foto o registrare video, è bene scegliere una memoria interna di (almeno) 32 GB. Qualora si volessero invece registrare dei video in HD e/o in 4K, sono invece necessari almeno 64GB, perché l’alta definizione occupa parecchio spazio. Controllate bene lo spazio che occupano sia il sistema operativo che le app pre-installate, perché potreste ritrovarvi con meno GB liberi rispetto a quanto annunciato sulla confezione.
  • Memoria esterna: non è escluso che possiate aver bisogno di ulteriore memoria, oltre quella interna, magari perché avete parecchi dati da immagazzinare. In questo caso controllate se lo smartphone su cui avete messo gli occhi sia dotato di un lettore per aggiungere una scheda di memoria (micro SD). L’estensione della memoria non è sempre possibile (vedi gli iPhone) e non sempre è possibile trasferire le applicazioni all’interno della memoria esterna
  • Cloud (lo spazio Internet di archiviazione dati): per accedere a questa memoria e dunque a tutti i dati che vorrete salvarvi, vi basterà avere una connessione Internet.

Single SIM– dual SIM

Alcuni smartphone offrono la possibilità di configurazione dual SIM: cosa vuol dire? Semplicemente che è possibile mettere nello smartphone due schede diverse, che potrete alternare senza toglierle fisicamente dal telefono. Qualora vogliate acquistare un modello che si avvale di questa funzionalità, dovrete però rinunciare all’espansione di memoria esterna, visto che il secondo slot è condiviso.

La fretta è cattiva consigliera

Prima di lasciarvi, ci sentiamo di darvi un ultimo, grande consiglio: quando vi ritrovate nel difficile momento di cambiare smartphone, cercate di ponderare bene, senza farvi prendere dalla fretta, che come sicuramente saprete, non è mai una buona consigliera. Se non avete urgenze particolari, cercate di prendervi qualche settimana in attesa dell’offerta ideale, confrontate più listini e date un’occhiata ad articoli come questo, costantemente aggiornati sulle ultime novità. Se siete indecisi su più modelli, articoli come questo possono consigliarvi verso la scelta migliore, senza lanciarsi nel vuoto, con il rischio di sprecare denaro.

Migliori Dual Sim nel 2020

Back to top
Apri Menu
smartphonemigliore.it