Smartphone da 500 euro: tutti gli articoli, le marche e le opinioni

Cambiare smartphone non è sempre facile, lo sapete bene: bisogna districarsi in un vero e proprio oceano di offerte (più o meno valide), proposte, agevolazioni e quant’altro. Basta davvero poco per lasciarsi sedurre, per poi rendersi conto che il budget che avevamo previsto per l’acquisto di un nuovo telefono è stato buttato alle ortiche, ritrovandoci in mano con un modello che non soddisfa appieno le nostre esigenze.

Ma è proprio qui che entriamo in gioco noi: dopo avervi consigliato i migliori smartphone a 150 euro e persino quelli con un prezzo di 1000 euro, ora siamo pronti per la “fascia di mezzo”, quella decisamente più popolare: ecco a voi una guida ragionata e onesta su come scegliere gli smartphone da 500 euro.

Se avete la possibilità d’investire una somma del genere, possiamo darvi qualche consiglio per scegliere il telefono su misura per voi: non stiamo parlando di un budget contenuto, con 500 euro è assolutamente possibile ambire a un dispositivo che abbia le caratteristiche di un top di gamma per quanto riguarda alcuni brand, oppure che ci si avvicina tantissimo per altri. In ogni caso, potete stare tranquilli: sono tutti dispositivi di primissimo piano, dunque riusciremo a farvi trovare lo smartphone adatto a voi anche questa volta.

Come nei casi precedenti, vi raccomandiamo alcune caratteristiche da controllare prima di acquistare il vostro nuovo dispositivo, ci riferiamo all’ampiezza e alla risoluzione del display (con questo budget potete scegliere se acquistare uno smartphone standard o di dimensioni più grandi, da 6 pollici in su), fino a che punto è possibile estendere la memoria interna, la durata della batteria (ricordatevi che la capacità viene espressa in mAh), le prestazioni del processore e la RAM, due fattori che determinanti nella capacità dello smartphone di eseguire operazioni in multitasking, nonché le applicazioni più avanzate.

Fatto questo doveroso preambolo, possiamo iniziare il nostro percorso alla ricerca del telefono ideale con un budget da 500 euro.

smartphone 500 euro 2

Come scegliere uno smartphone da 500 euro?

Nonostante abbiano lo stesso prezzo di vendita al pubblico, non tutti gli smartphone da 500 euro sono uguali, anzi: è possibile distinguerli per dimensioni, materiali con cui sono stati costruiti, prestazioni e molti altri aspetti che andremo ad analizzare in questo articolo. Il nostro scopo è quello di aiutarvi nella scelta dello smartphone ideale, quello più vicino possibile alle vostre esigenze: seguite i nostri consigli e quando sarete prossimi all’acquisto di un nuovo dispositivo, teneteli bene a mente.

Schermo

Come detto in apertura, lo schermo dello smartphone è una delle componenti più importanti da controllare per valutarlo bene. Ecco alcune delle caratteristiche che dovrebbe avere un display come si deve:

  • Dimensioni – Queste si misurano in pollici e sono assolutamente determinanti per l’esperienza visiva del telefono. Considerate che un display di dimensioni pari o inferiori ai 5.7″ garantisce una fruizione piuttosto comoda dei contenuti visti sullo schermo, nonché una buona maneggevolezza del telefono. In alternativa, con un display da 6 (o più) pollici, potrete avere una visione decisamente migliore dei contenuti fotografici e video, per non parlare della comodità di leggere su uno schermo così grande. Sarà però più complicato riporlo in tasca, dunque valutate anche questo aspetto.
  • Risoluzione – La nitidezza delle immagini e dei video è certamente fondamentale e si misura in pixel: come si può facilmente intuire, più pixel ci sono  e maggiore sarà la definizione delle immagini. Di seguito mostriamo quali sono le risoluzioni nei formati 16:9 e 18:9 più diffuse:
    • HD: 1280 x 720 pixel; 1440×720 pixel nel formato 18:9
    • Full HD: 1920 x 1080 pixel; 2160×1080 pixel nel formato 18:9
    • QHD: 2560 x 1440 pixel; 2880×1440 pixel nel formato 18:9
  • Densità di pixel (ppi) – Mentre controllate i valori che determinano la risoluzione (dunque la nitidezza), potreste imbattervi nella sigla ppi (acronimo di pixels per inch): indica il numero di pixel presenti in ogni pollice del display. Come nel caso precedente, più è alto il valore e meglio si vedranno le immagini sul display.
  • Pannello – Gli schermi degli smartphone di nuova generazione si distinguono anche dal tipo di pannello che utilizzano. Quelli più diffusi sono di tipo IPS LCD che hanno bisogno di retroilluminazione e garantiscono una riproduzione davvero fedele dei colori, in modo che sia possibile vederli nel migliore dei modi anche sotto la luce del sole. Altrimenti ci sono i pannelli AMOLED/Super AMOLED, che non hanno bisogno di retroilluminazione e possono offrire un ottimo rapporto di contrasto, con neri più profondi e consumi energetici più contenuti rispetto agli IPS LCD.

Il processore, RAM e la memoria interna

Ora ci concentreremo sui tre componenti che influiscono di più nelle prestazioni di uno smartphone: ci riferiamo al processore, alla memoria RAM e alla memoria interna per l’archiviazione dati (storage).

  • Il processore – Questo è sostanzialmente il cervello dello smartphone. La potenza del processore incide sulla velocità con la quale il vostro telefono svolge le varie operazioni quotidiane. Se volete valutare adeguatamente la potenza di un processore, dovrete guardare al numero di core che si dividono i calcoli da fare, nonché al numero di GHz che hanno (la frequenza operativa).
  • La RAM – Si tratta della memoria che ospita – in via temporanea – i dati dei programmi in corso e i dei processi in esecuzione. Più è grande la quantità di RAM, maggiore sarà l’abilità del vostro telefono di gestire più app contemporaneamente. Per evitare blocchi, crash e refresh forzati quando passate da un’app all’altra, vi consigliamo di acquistare un dispositivo che abbia almeno 3GB di RAM (con un budget di 500 euro non dovreste avere problemi a trovarlo).
  • La memoria interna (storage) – Si tratta della memoria contenuta dal sistema operativo (che può essere iOS nei prodotti Apple o Android in tutti gli altri) e consente di archiviare in modo permanente sia dati che applicazioni. La memoria interna può essere fissa o espandibile attraverso delle schede di memoria microSD, anche se il suo valore nominale non rispecchia mai il vero spazio a disposizione per app e dati. Quando il produttore dichiara un certo valore (per esempio 16GB o 32GB), dovrete sottrarre alcuni GB che sono già occupati sia dal sistema operativo che da alcune app predefinite già presenti nello smartphone.

Batteria

La batteria, ormai lo sapete bene, è una vera e propria croce e delizia per i possessori di smartphone. Quando vi appresterete a comprare un nuovo telefono, controllate bene la sua capacità, che si misura in milliampereora (mAh): più alto sarà il numero di mAh presente, e più la batteria avrà un’autonomia lunga e duratura (anche se questo discorso vale fino a un certo punto).
Bisogna infatti considerare che la reale autonomia di un telefono, sarebbe bene consultare alcune recensioni online, per scoprire come si comporta lo smartphone nella vita di tutti i giorni, quando sarà più volte messo sotto stress dalle operazioni quotidiane,

Prima di acquistare, dunque, ricordatevi di verificare sempre.

Back to top
Apri Menu
smartphonemigliore.it